Notizie redazionali, novità normative e materiale didattico in tema di sistemi di gestione per la responsabilità amministrativa degli enti ex. D.Lgs. 231/01.

Covid 19 e regolamento OdV

Epidemia da COVID-19 e Regolamento OdV

Riunioni OdV 231 e COVID-19

Uniformandosi alle restrizioni governative le riunioni OdV, come indicato nel Kit documentale 231 di Winple Italia al punto 3.7 del Regolamento ODV-03, possono tenersi, oltre che dal vivo, anche mediante mezzi di
telecomunicazione con intervenuti dislocati in più luoghi.

È d’uopo però attenersi al corretto espletamento dei principi che regolano la convocazione e alle regole che determinano la validità della riunione.

Epidemia da COVID-19 e Modelli 231

Epidemia da COVID-19 e Modelli 231

L’articolo 6 del D. Lgs231/01” Soggetti in posizione apicale e modelli di organizzazione dell’ente” al punto b recita che il compito di vigilare sul funzionamento e l’osservanza dei modelli, di curare il loro aggiornamento è affidato a un organismo dell’ente dotato di autonomi poteri di iniziativa e di controllo.

L’epidemia covid-19 ha ampliato la fattibilità di commissione di illeciti già contemplati nel Modello 231 con conseguente possibile responsabilità amministrativa degli enti.

formazione

Formazione: requisito essenziale per la corretta attuazione del Modello D.Lgs. 231/01

Culpa in vigilando e culpa in educando

Il D.Lgs 231/01 prevede che l’ente sia responsabile sia dei comportamenti posti in essere dai soggetti apicali che dei comportamenti posti in essere dai soggetti ad essi subordinati, con differenti configurazioni della responsabilità dell’ente stesso a seconda che si tratti di condotte riconducibili agli uni o agli altri.

In particolare, con riferimento ai reati commessi dai soggetti subordinati agli apicali, si è soliti parlare di “culpa in vigilando”: l’ente risponde in quanto la commissione del reato è stata possibile in seguito all’inosservanza degli obblighi di direzione e vigilanza dei vertici aziendali.

Novità normative D.Lgs. 231 - Anno 2020

Obbligo del Modello ex. D.Lgs. 231/01 sulla responsabilità amministrativa degli enti

In senato, da Ottobre 2019, è presente il disegno di legge che mira ad introdurre l’obbligatorietà del modello organizzativo del D.Lgs.231/01.

Da strumento facoltativo per l’impresa, il modello organizzativo sta divenendo progressivamente un cardine per l’attività d’impresa ed il trend lascia presagire che il legislatore, di qui a poco, provvederà ad estenderne l’obbligo a tutte le imprese.

Secondo il disegno di legge che verosimilmente sarà affrontato, esaminato e discusso durante il 2020, le prime ad essere interessate saranno le imprese di certe dimensioni e cioè quelle più grandi. A causa di ciò il mondo della consulenza è davvero in fermento.

L’avvio dell’obbligatorietà dell’adozione (efficace) del modello 231 porterà una rivoluzione mai vista prima nel mondo della consulenza legale e della consulenza aziendale. Una forte domanda di consulenza in tale senso investirà i professionisti e non tutti sono preparati ad affrontare questo tipo di richiesta.

Check List Winple 231

Check List D.Lgs. 231/01 – Verifica di conformità ed adeguamento

Questa Check List è stata progettata ed elaborata da Winple Italia quale supporto per la verifica, l’adeguamento e l’implementazione di un sistema di gestione conforme alle fattispecie di reato per la responsabilità amministrativa degli enti contemplata nel D.Lgs231/01 e s.m.i.

Trattasi della prima Check List in Italia consultabile liberamente e gratuitamente per la verifica di conformità ai vari reati previsti dagli articoli del D.Lgs 231/01 aggiornati all’ultima revisione normativa.

Essa è stata sviluppata per singolo articolo del D.Lgs. 231/01 e ad ognuno di essi sono state collegate le fattispecie di reato esplicitate nei relativi articoli di codice penale, civile, o di altre leggi richiamanti la responsabilità amministrativa degli enti.

interviste-231-box

Interviste 231 e la gestione del rischio “reato” nell’organizzazione

Il kit delle interviste facilita il lavoro dei consulenti. La compilazione non è necessaria in quanto i reati – con i relativi articoli di legge – sono già riportati: basta apporre, per ciascun reato, il valore della gravità ed il valore della probabilità e il foglio elettronico restituirà una chiara mappa dei rischi, funzionale alla predisposizione delle misure di intervento.