Ultime novità normative D.LGS 231 Febbraio 2019

Importanti novità in campo di 231 e responsabilità amministrativa

Recentemente sono state pubblicati con la Legge n.12 del 11 Febbraio 2019 importanti provvedimenti legislativi che hanno comportato variazioni in tema di controllo dei rifiuti con l’istituzione del Registro Elettronico Nazionale per la Tracciabilità dei Rifiuti in sostituzione al SISTRI con conseguente modifica dell’Art. 6 del D.L. n. 135 del 14 Dicembre 2018.

Con l’Art. 1 del DPCM del 24 Dicembre 2018 è stata stabilita la sostituzione del Modello Unico di Dichiarazione Ambientale allegato al DPCM del 28 Dicembre 2017.

Infine, con il Decreto n. 151 del 22 Dicembre 2018 è stato stabilito il costo medio a carico del datore di lavoro per il rimpatrio del lavoratore straniero assunto illegalmente.

L’Articolo 1 del DPCM del 24 Dicembre 2018 ha apportato novità in tema ambientale.

Il Modello Unico di Dichiarazione Ambientale allegato al DPCM del 28 Dicembre 2017 è integralmente sostituito dal Modello e dalla Istruzioni allegate al Decreto in questione e sarà utilizzato per le dichiarazioni da presentare obbligatoriamente entro il 30 Aprile di ogni anno con riferimento all’anno precedente come disposto dalla Legge n. 70 del 25 Gennaio 1994.

Decreto n. 151 del 22 Dicembre 2018 : Criteri per la determinazione e l’aggiornamento del costo medio del rimpatrio

Il costo medio del rimpatrio del lavoratore straniero assunto illegalmente di cui all’Articolo 1, Comma 2 del D.Lgs. n. 109 del 16 Luglio 2012 è dato dalla media nel trienno che precede l’anno anteriore a quello cui il costo medio si riferisce dei valori risultanti dal rapporto tra il totale degli oneri sostenuti attualmente per il rimpatrio dei cittadini stranieri ed il numero complessivo dei rimpatri complessivi eseguiti nel medesimo anno.

Il costo del rimpatrio per l’anno 2018 è stabilito in euro 1398,00.

Legge 12 del giorno 11 Febbraio 2019 che sostituisce l’Art. 6, comma 3 del Decreto Legge n. 135 del 14 Dicembre 2018

A decorrere dalla data di entrata in vigore della legge è istituito il registro elettronico nazionale per la tracciabilità dei rifiuti, gestito direttamente dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare cui sono tenuti ad iscriversi gli enti e le imprese che effettuano il trattamento dei rifiuti, i produttori di rifiuti pericolosi e gli enti e le imprese che raccolgono o trasportano rifiuti pericolosi a titolo professionale o che operano in qualità di commercianti ed intermediari di rifiuti pericolosi, di consorzi istituiti per il recupero ed il riciclaggio di particolari tipologie di rifiuti, nonché con riferimento ai rifiuti non pericolosi, i soggetti di cui all’Art. 189, comma 3, del D.Lgs. 3 Aprile 2006 n. 152.

Introduzione di nuova sezione dedicata al Regolamento OdV

OdV-WINPLENella versione 4.8 del Kit Documentale Procedure 231 è stato inserita una sezione, con relativa modulistica allegata, dedicata alla redazione di un Regolamento OdV per meglio esplicitare i criteri di nomina, le cause di decadenza ed ineleggibilità, le eventuali sostituzioni, le mansioni, i poteri, i doveri, le responsabilità, la composizione, il budget, la revoca e la cessazione, nonché la modalità di flusso di informazioni tra esso e gli altri organi societari e la gestione delle segnalazioni Whistleblowing.

Il Regolamento è redatto direttamente dall’Organismo di vigilanza, sia esso monocratico (per aziende di piccole dimensioni) o plurisoggettivo (per aziende di grandi dimensioni), al fine di autoregolamentare il proprio funzionamento, tenendo conto che non è opportuno che tale Regolamento sia redatto ed approvato da organi societari diversi dall’Organismo poiché si potrebbe ritenere violata l’indipendenza dello stesso.

PACK-231-2019

Queste importanti evoluzioni legislative hanno avuto un significativo riflesso sul Kit Documentale Procedure 231 che – per l’occasione – è stato aggiornato alla v4.8 – 2019.

Vai alla pagina prodotto

 

Scarica elenco aggiornato dei contenuti

Nello specifico, gli aggiornamenti del kit documentale hanno interessato le seguenti sezioni:

  • Manuale – (Sezione 4)
  • Parte Speciale – (Sezioni: 3, 7 e 14)
  • Modello Organizzativo – (Sezione: 3)
  • Procedure di Controllo Interno  – (Procedura: 24)
  • Inserita nuova sezione dedicata al Regolamento dell’Organismo di Vigilanza
LOGO-PROCEDURE231-2019-WINPLE

Procedure 231 è strutturato in files e modelli in formato Microsoft™ Word™ , completamente modificabili e personalizzabili e compatibili con sistemi Windows™ ed Apple MAC iOS™.

Procedure 231 è il primo ed unico prodotto in Italia che rende possibile ai consulenti ed alle imprese di sviluppare sistemi di gestione per la responsabilità amministrativa in piena conformità con il D.Lgs 231/01.